Trucchi e idee per rendere l’ufficio più produttivo

produttivita lavoro organizzare ufficio posto di lavoro
Il tempo è denaro: un discorso che vale soprattutto in ambito lavorativo. Vediamo qualche consiglio...

Il tempo è denaro: un discorso che vale soprattutto in ambito lavorativo. Evitare di sprecare del tempo prezioso cercando materiali che non si trovano, potrebbe essere la soluzione per aumentare la produttività di un ufficio e per organizzare nel modo più efficiente il proprio lavoro.

Se pensate che questo possa rubarvi del tempo, sappiate che sarà di sicuro inferiore ai tanti minuti che impiegherete per cercare gli articoli sparsi per i cassetti della vostra scrivania: avere sempre a disposizione gli articoli che vi servono vi eviterà anche tanto nervosismo.

Non solo: lavorare in un ambiente ordinato stimola la creatività e il pensiero. È provato che lavorare o studiare in un ambiente stimolante (e ordinato) rende l’attività di studio o di lavoro molto più efficace. Si pensi a tutti gli studi di psicologia ambientale.

Oggi dunque vediamo qualche consiglio per migliorare e rendere più produttivo l’ambiente di lavoro.

>> Leggi anche: Lavorare da casa – Consigli per migliorare il proprio Smartworking

Aumentare la produttività al lavoro partendo dall’organizzazione dell’ufficio

Qualche consiglio molto pratico che chiunque può applicare…

🗑 Fare un po’ di pulizia

Il modo migliore per dare una sferzata alle proprie abitudini è  ripartire da zero . Dopo aver accatastato per anni oggetti alla rinfusa, sarà il caso di organizzarsi partendo da una pulizia generale dell’ufficio. La parola d’ordine è guardarsi intorno e decidere cosa serve e cosa può essere buttato nel cestino: essere degli accumulatori seriali non giova al proprio lavoro, a meno che la vostra professione non sia il rigattiere.

Un discorso che non vale solo per gli articoli sulla vostra scrivania, ma anche per gli schedari, i mobili e gli accessori come piante e soprammobili. All’inizio sarà difficile raccapezzarsi fra caos e polvere, ma poi vi accorgerete che ne sarà valsa la pena.

🗃 Ordinare i documenti

Una volta che avrete reso respirabile l’aria del vostro ufficio, vi sentirete più carichi e finalmente pronti per mettere mano ai documenti: dirigetevi verso gli schedari, svuotateli e passate in rassegna tutte le scartoffie che contengono. Vi accorgerete di conservare autentici reperti storici, buoni solo per i musei.

Il consiglio è di  conservare solo i documenti recenti o importanti : tutti gli altri buttateli, per evitare che un domani vi si riproponga lo stesso problema. Una volta finita la cernita, stabilite un metodo per indicizzare le vostre carte: ordine alfabetico o per categoria, non ha importanza. Quello che conta è che sarete sempre in grado di trovarli immediatamente, senza rivoltare l’ufficio come un guanto.

🖥 Dal cartaceo al digitale

Una volta finito di sistemare schedari e cassetti, sarà il caso di passare dalla scrivania fisica a quella digitale. Le nuove tecnologie hanno semplificato la vita dei lavoratori, ma sono inutili se non si cambia forma mentis, e se si affolla di documenti il proprio computer. La prima cosa che dovrete fare sarà semplificare il vostro desktop, organizzando i file in cartelle dai nomi chiari e, dunque, facilmente reperibili.

Fatto questo, vi toccherà avventurarvi nei meandri del vostro hard disk ed eliminare tutto quello che è superfluo: vedrete che, al termine dell’operazione, il vostro Pc funzionerà decisamente meglio.

Fatto questo, prendete i file più importanti e fatene un backup: le copie di sicurezza è meglio conservarle in uno o più hard disk esterni (o magari sfruttando strumenti virtuali come Cloud/Google Drive), per evitare che un temporale vi bruci il computer e tutto quello che contiene. Infine, sistemate anche la vostra email.

🔀 Suddividere l’ufficio in zone

Massimizzare l’ambiente di lavoro significa anche pensare al vostro ufficio come se fosse un’abitazione. Questo significa suddividerlo in zone per ogni attività che svolgete nella stanza. La scrivania, ad esempio, andrebbe posizionata in una zona luminosa (o vicino la finestra, ma attenzione alla direzione della luce rispetto al pc), e non in mezzo ai piedi.

Vicino la scrivania, posizionate sempre lo schedario che utilizzate di più, così da averlo a portata di mano, e magari anche un mobiletto. Armadi e altri schedari andranno messi in zone funzionali all’uso che ne fate.

Infine, la zona relax: sistemate un’eventuale poltroncina in una zona lontano dalla scrivania, e con un lume accanto. In questo modo separerete il lavoro dal tempo libero.

🌿 Il potere delle piante

Le piante in ufficio hanno svariati benefici effetti. In primis aiutano a ripulire l’aria da elementi inquinanti come la Co2 o la Formaldeide (e molti altri): catturano infatti le sostanze volatili (VOC) che possono creare irritazioni e allergie. Uno studio della NASA e altri studi condotti da varie università hanno comprovato che le piante nell’ambito lavorativo aiutano a:

  • Regolare il grado di umidità dell’ambiente.
  • Rendere più piacevole e a misura d’uomo l’ambiente in cui si lavora, aumentando potenzialmente la produttività generale.
  • Rilassare la mente e ridurre lo stress.

Ulteriori consigli

Sarà importante dotarsi di una macchinetta per etichette. Per ottimizzare la sistemazione dei documenti, sarà il caso di etichettare i cassetti degli schedari e della scrivania, così da sapere sempre cosa c’è dentro. Ovviamente, una volta etichettati, cercate di rispettare l’ordine del contenuto. Sennò avrete solo peggiorato le cose.

Inoltre, possedere dei vassoi per la carta e dei contenitori per gli articoli più piccoli, vi semplificherà di molto la vita. E non vergognatevi di appendere qualche post-it in giro: la consapevolezza di essere smemorati non è un difetto.

Written By
More from Luca Pavesi

Tutto ciò che c’è da sapere sulla depressione post-partum

Se ne sente molto parlare ma spesso non si sa di preciso...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *