Diamoci un taglio! (parte III) – L’autolesionismo giovanile diventa social

cutting autolesionismo social
Credits: http://nsmea.com/wordpress/wp-content/uploads/2014/05/2.jpg
Ultimamente impazza una terribile moda, quella dell’autolesionismo condiviso nel web. Ecco di cosa si tratta...

La scrittrice per l’infanzia Madeleine L’Engle ha detto:

Il paradosso senza fine è che noi impariamo attraverso il dolore.

Ultimamente impazza una terribile moda, quella dell’autolesionismo condiviso nel web.
Poco studiato e conosciuto, soprattutto da insegnanti e genitori, il fenomeno è rinforzato anche dall’estrema facilità di accesso alla rete da parte dei più giovani.

Si tratta di una vera e propria epidemia del disagio: i selfie delle ”cutters” provocano un’emulazione di tipo virale, in particolare sui social network Facebook e Tumblr.

Perché si dovrebbe rendere pubblico un problema così personale e privato?
È cambiata la persona o il suo modo di soffrire?
Entrambi, direi.

Foto, video e parole condivise hanno modificato il nostro atteggiamento nei confronti del dolore.
La quantità industriale di stimoli virtuali ai quali siamo sottoposti ogni giorno ha alzato in maniera preoccupante il grado di sopportazione di fronte a certe immagini e situazioni problematiche.
In un adolescente tutto questo è ulteriormente amplificato, fino a fargli perdere il contatto con la gravità delle proprie azioni.
Dalla condivisione nei social network di certi contenuti agli atti di cyberbullismo il passo è davvero breve.

Inoltre, il rischio che questo fenomeno sia continuamente alimentato dall’ingenuità delle nuove generazioni è altissimo.

Trovare delle valide soluzioni per aiutare i cutters e bloccare la condivisione di questo triste gesto è un imperativo che scuola e professionisti del settore sociale devono imporsi.

More from Jose Toffoletto

Ciao, come va? :) | Psicologia degli sms

Quante volte per risparmiare tempo preferiamo chiedere scusa, fare gli auguri o...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *