Giovani e futuro: quale lavoro fare da grande?

lavoro
Il lavoro è un tema da sempre centrale per la persona, perché determinante per l'auto-realizzazione e la felicità dell'individuo stesso. Ecco un test che può aiutare a orientarsi tra le molte possibilità formative e lavorative...

Il lavoro è un tema da sempre centrale per la persona, perché determinante per l’auto-realizzazione e la felicità dell’individuo stesso. La faccenda si complica in momenti di crisi economica, in cui una scelta sbagliata, un tentennamento, una mancanza di continua formazione rischiano di essere fatali per il presente e il futuro del lavoratore (e delle persone che da esso dipendono).

Per questo motivo si sono fatti sempre più strada elementi di autovalutazione e di orientamento professionale utili per ridurre al minimo l’incertezza di fronte alle possibilità formative e professionali [LEGGI le 36 domande da porti per capire il tuo lavoro ideale].

Il classico dubbio dello studente, alle prese con mille possibili corsi universitari disponibili è:

quale lavoro voglio fare “da grande”?

L’università Unicusano ha pensato ad un test per dare una mano agli studenti nel rispondere con sicurezza a questa risposta.

Giovani e occupazione: quale lavoro fare? Lo svela il Job Test di Unicusano

L’università ha lanciato un social test che mette in relazione le attitudini professionali con le richieste del mercato.

Imprenditore, insegnante o ingegnere? Grazie a 10 semplici e rapide domande, l’Università Niccolò Cusano promette di dare indicazioni chiare e precise per capire quale occupazione è ideale per te, dopo gli studi universitari.

Alla base della nascita di questo test c’è un concetto molto semplice:

Fare un lavoro che il mercato offre non vuole dire non fare ciò per cui si è portati. Con questo test aiutiamo i giovani e chi vuole rilanciare la propria carriera a capire qual è il mestiere a loro più adatto, incrociando le richieste del mercato con le proprie attitudini.

A fine test, possono risultare 12 profili lavorativi principali:

  1. consulente legale,
  2. contabile,
  3. psicoterapeuta,
  4. ingegnere,
  5. manager delle risorse umane,
  6. insegnante,
  7. educatore sociale,
  8. marketing analyst,
  9. direttore generale,
  10. imprenditore,
  11. manager
  12. direttore amministrativo.

Perché proprio queste 12 professioni?

Secondo l’Istat, infatti, buona parte di queste occupazioni si classificano come le professioni “vincenti” tra quelle raggruppate dall’istituto dal 2011 al 2014, in 508 categorie.

I numeri parlano chiaro: a fronte di un’occupazione scesa negli ultimi anni di In questi anni  319mila unità, il lavoro nel gruppo delle più professioni più ricercate è aumentato di 1,4 milioni di occupati.

“Troppo spesso in Italia – spiega lo staff dell’Unicusano – abbiamo da una parte delle università che non preparano al mondo del lavoro, offrendo degli insegnamenti troppo legati alla teoria e poco alla pratica, e dall’altra dei giovani che non riescono a qualificarsi per svolgere le professioni al momento più richieste”.

L’obiettivo del Job Test di Unicusano, dunque, è quello di offrire orientamento agli studenti verso il più corretto percorso di specializzazione, coerentemente con le aspirazioni dell’individuo e con lo scenario professionale italiano.

More from Luca Crivellaro

L’evoluzione dell’apprendimento: i programmi scolastici ne tengono conto?

I bambini preferiscono giocare anziché studiare. Che cosa ovvia! Eppure c'è una...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *