5 consigli per un colloquio di successo

5 consigli per il colloquio di lavoro
Il colloquio di lavoro è il momento in cui bisogna dimostrare quanto si vale e in poco tempo, per convincere l'interlocutore che quel posto è pienamente adatto a voi. Ecco 5 consigli!

Affrontare un colloquio

Il colloquio di lavoro è il momento in cui bisogna dimostrare quanto si vale e in poco tempo, per convincere l’interlocutore che quel posto è pienamente adatto a voi. Per riuscire a sfruttare al meglio questa occasione seguite questi 5 consigli che potrebbero portarvi a firmare un sospirato contratto.

1. Prendete informazioni sull’azienda

Una volta che avrete fissato l’appuntamento per il colloquio, prendete quante più informazioni possibili sull’azienda o la società che vi ha convocato. Fate questa indagine su internet e sul loro stesso sito, informatevi eventualmente da chi ci ha già lavorato, createvi un quadro chiaro di chi stanno cercando anche rileggendo attentamente l’annuncio o chiedendo qualche informazione in più anche durante la telefonata di primo contatto. Fate conto che dovete svolgere una sorta di esame ma senza apparire ansiosi o agitati. Dovete soltanto dimostrare che sapere di cosa si occupa la società e farvi valere.

2. Curate l’aspetto fisico e l’abbigliamento

In questo caso non vale il detto “l’abito non fa il monaco”. In base al contesto che vi accoglierà per il colloquio decidete bene prima cosa indossare. Se è formale andrà bene per le donne un tailleur gonna o pantalone: scegliete quello che vi fa sentire più a vostro agio e indossate scarpe con tacco medio (mai a spillo), e una borsa non troppo grande, dove impieghereste troppo tempo a recuperare la versione cartacea del vostro curriculum, se vi venisse richiesta. L’acconciatura deve essere sobria, senza esagerare con i gioielli e il trucco. Per gli uomini va bene un abito mediamente elegante sul grigio o il blu, anche senza cravatta ma con una classica camicia bianca. Indossate mocassini e non presentatevi mai con la barba incolta, anche se va di moda.

3. Preparate le risposte alle domande di rito

Durante il colloqui vi verranno poste delle domande di rito alle quali dovete dare una risposata esauriente, veritiera e dimostrando una misurata sicurezza di voi stessi. Vi verrà chiesto per esempio di parlare di voi stessi, delle vostre esperienze lavorative, delle vostre impressioni e del rapporto che avete avuto con colleghi e superiori. Dovreste anche dare le motivazioni per le quali vorreste fare questo lavoro e, in questo caso, evitare di essere troppo “aziendalisti” e dire le vostre ragioni più generiche, senza mai scendere nel particolare. Non dilungatevi troppo nelle risposte e non fate mai riferimento alla vostra sfera privata.

4. Assumete un atteggiamento attento e curioso

Durante il colloquio siate attenti a quanto vi verrà detto sul target dell’azienda, prendete pure appunti e ponete le domande più opportune, dimostrando curiosità e spirito di osservazione.
L’interesse che avrete nel sapere qualcosa in più dell’asset dell’azienda, dei suoi obiettivi su un’eventuale vostra assunzione e sui clienti con cui andrete a trattare sarà un ottimo “biglietto da visita”, che dimostrerà un aspetto della vostra personalità che alle aziende interessa molto: la proattività e la propositività. Bisogna dimostrarsi entusiasti non solo di entrare a far parte di un nuovo ambiente di lavoro, ma proprio di quel preciso impiego.

5. Non parlare dello stipendio

Un particolare che potrebbe influire molto sulla vostra valutazione è l’aver dimostrato troppo interesse per il trattamento retributivo. Molte volte le aziende infatti programmano una seconda tornata di colloqui dopo una “scrematura” dei candidati ed è questa l’occasione giusta per parlarne. Discutete comunque di questo aspetto al momento della firma del contratto, che va letto attentamente in tutte le sue parti.

Written By
More from Luca Pavesi

Gli psicologi del futuro: quali prospettive per la professione?

Gli psicologi rappresentano da sempre una risorsa fondamentale per la nostra società,...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *