Vivere nell’ipersessualizzazione

ipersessualizzazione
photo credit: drp via photopin cc
Quotidianamente tutti noi veniamo bombardati da stimoli sessuali di varia natura, più o meno espliciti. Nell’arco delle 24 ore è probabile che incorriamo in stimoli di questo tipo...

Quotidianamente tutti noi veniamo bombardati da stimoli sessuali di varia natura, più o meno espliciti. Nell’arco delle 24 ore è probabile che incorriamo in stimoli di questo tipo:

  • magari siamo svegli da pochi minuti, accendiamo il telefono e se apparteniamo al target “uomo/donna 14 – anta anni” è probabile che qualche nostro contatto ci abbia inoltrato qualche foto e/o video erotico, perché a suo parere, è divertente e soprattutto è gratis condividerlo;
  • una volta usciti è probabile che in coda al semaforo la nostra attenzione venga catturata da un mega cartellone pubblicitario, nel quale una modella posa succinta e provocante per pubblicizzare un operatore di telefonia mobile;
  • nel mentre magari abbiamo anche l’autoradio accesa e canticchiamo distrattamente il ritornello di una canzone in inglese, che tradotta in italiano suona più o meno così: “Fai quello che vuoi con il mio corpo”;
  • se lavoriamo con il computer e accediamo ai nostri account di posta elettronica, è possibile che anche qui la nostra attenzione venga deviata dalle “notizie” fornite nella home del motore di ricerca. Cito testualmente quelle che ho letto solo nei giorni scorsi: “Sexi incidente in passerella”; “ Scrivania trasparente, slip in vista”; “Nuova figuraccia ( stavolta osè) a L’eredità”;
  • per staccare un po’ la testa, ci colleghiamo ai social e tra i vari post è probabile che anche qui la nostra attenzione venga catturata dalle foto “osè” di qualche nostro contatto… postate per “scherzo” ovviamente;
  • se siamo in età adolescenziale è molto probabile che tra i nostri passatempi ci sia anche un break obbligato davanti al canale tv che trasmette a random video musicali, molti dei quali dal contenuto soft porno;
  • a cena accendiamo la tv e mentre consumiamo il nostro pasto, riprese ad hoc su vagine, natiche scolpite e smorfie seducenti del corpo di ballo “rimpolpano” il format che stiamo seguendo;
  • andiamo a letto, chiudiamo gli occhi, e mentre dormiamo il nostro inconscio rielabora tutto ciò di cui ci siamo “nutriti” durante il giorno…

Volente o nolente, siamo quotidianamente bombardati da stimolazioni di natura sessuale, fenomeno che i sociologi definiscono con l’espressione di “ipersessualizzazione della società”.

Come osserva lo psicologo dello sviluppo e dell’educazione Mugnaini, autore insieme agli psichiatri Cantelmi, Lambiase e Lassi del libro Erosi dai media – Le trappole dell’ipersessualizzazione moderna:

“L’importante è assecondare fantasie e curiosità, emozionare ed eccitare, per vendere. Non ci si cura se tali stimoli possano giocare un ruolo nel nuocere alla persona e nel dis-educare all’amore. Non ci si cura, insomma, se la stimolazione diventi eccessiva e inappropriata, se può modellare negativamente persone e cultura”.

Gli autori concordano nel sostenere che le “vittime privilegiate sono i bambini deprivati di risorse socio-culturali, affettive ed esistenziali. Come può accadere? Innanzitutto, tramite meccanismi di identificazione legati alla capacità di apprendere tramite l’osservazione e l’immaginazione: guardare è in parte vivere, sperimentare, essere condizionati. I comportamenti mostrati dai media non sono necessariamente imitati immediatamente da parte di chi ne è esposto, ma tali schemi comportamentali vengono immagazzinati e memorizzati, pronti per essere recuperati e agiti quando le circostanze lo “richiedano”, e soprattutto, pronti a influire su credenze più ampie relative al mondo, agli esseri umani e alla felicità da perseguire”.

Esiste un antidoto all’ipersessualizzazione?

La consapevolezza di essere esposti quotidianamente alla precoce e pervasiva stimolazione di natura sessuale proveniente dall’attuale “villaggio globale” è già un buon punto di partenza…

Written By
More from Laura Pagano

Cosa ci insegna la rabbia?

La rabbia… Una delle nostre sei emozioni di base. Ma cosa ci...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *