Non solo studenti: ecco Socrative, un’App che aiuta i professori a scuola…

socrative l'app per i professori
E' sempre più difficile per insegnanti e professori ottenere l'attenzione degli studenti, catturati e totalmente rapiti da smartphone e tablet. Serve dunque una strategia...

E’ sempre più difficile per insegnanti e professori ottenere l’attenzione degli studenti, catturati e totalmente rapiti da smartphone, consolle di gioco e tablet e sempre sempre meno dalla storia e dalla chimica. Sono più affascinanti il latino e la matematica o le app di uno smartphone? La risposta è fin troppo facile.

Serve dunque una qualche strategia per attirare gli studenti, perché con l’imposizione e le regole ferre (che devono comunque essere poste) non si combina granché. C’è però un’arma per i professori, che parla la stessa lingua digitale degli studenti ma sugli argomenti oggetto di studio: parliamo di Socrative.

Coloro che non sono del tutto consapevoli dei danni derivanti dall’applicazione delle strategie non possono essere neppure consapevoli dei vantaggi derivanti dalla loro applicazione _ Sun Tzu – L’Arte della Guerra

Socrative è un’app il cui motto è “semplice come alzare la mano”: e in effetti quest’app consente al professore di aumentare la partecipazione allo studio con un’app da far scaricare agli studenti sui loro smartphone o tablet o anche computer e ipod, che consenta di interrogarli sui vari argomenti in maniera divertente e partecipata, con quiz, giochi, domande a scelta multipla, vero o falso, domande a risposta aperta, gare di velocità nella risposta a squadre.

Oltre a queste funzioni, molto interessanti per i professori anche l’Exit Tickets, che consente agli studenti di lasciare un feedback e dire cosa hanno o non hanno imparato al termine della giornata; e i report automatici che permettono al docente di non dover correggere le risposte degli studenti: l’app Socrative lo fa per loro.

Unico ostacolo potrebbe essere la diffusione totale dei device tecnologici tra tutti gli studenti, per non creare disparità verso gli allievi che non disponessero di smartphone e simili. Ma crediamo che una diffusione vicina al 100% non sia poi così lontana…

Credit Immagine: blakespot via photopin cc

More from Luca Crivellaro

Formazione online: trend e business vanno a braccetto

Di formazione online abbiamo già parlato, con il caso Udemy. In realtà...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *