Monsieur Lazhar: un film su scuola e lutto tra somiglianze e diversità

Oggi vi vogliamo segnalare un bel film perfettamente in tema con il mondo della scuola e della formazione: nello specifico, il film che vi suggeriamo tratta del concetto di perdita ed elaborazione del lutto e del confronto tra culture diverse, attraverso il ruolo dell’insegnante nella società multiculturale moderna. Stiamo parlando del film “Monsieur Lazhar“

Oggi vi vogliamo segnalare un bel film perfettamente in tema con il mondo della scuola e della formazione: nello specifico, il film che vi suggeriamo tratta del concetto di perdita ed elaborazione del lutto e del confronto tra culture diverse, attraverso il ruolo dell’insegnante nella società multiculturale moderna. Stiamo parlando del film “Monsieur Lazhar“, di Philippe Falardeau (Canada, 2011). La storia è tratta dal libro “Au bout du fil. Bashir Lazhar” di Evelyne De La Chenelière (che compare nel film in un piccolo cameo).

Bachir Lazhar è un insegnante immigrato in Canada dall’Algeria. E’ chiamato a sostituire una docente scomparsa improvvisamente: tra le mille difficoltà di adattamento, Bachir dovrà fronteggiare il proprio passato tragico e contemporaneamente trovare un modo per interpretare, comprendere e stabilire un legame con i suoi nuovi allievi, così distanti culturamente e, allo stesso tempo, così vicini.

Se cercate dunque un bel film che si concentri soprattutto sul rapporto allievo-maestro, sulla diversità-somiglianza culturale e sulla reciproca scoperta delle storie personali e intime dei personaggi… beh allora Monsieur Lazhar fa al caso vostro.

[block_quote cite=’ – Monsieur Lazhar (Canada, 2011)’] C’è una sola persona che ha scritto bene la parola “crisalide” e penso sia stato solo un caso. [/block_quote] [embed_youtube id=’t8AAYKw27p4′ width=’420′ height=’345′]
Tags from the story
Written By
More from Redazione

Come vendere meglio in un periodo così difficile? Ecco il Corso in Tecniche di Vendita…

Un nuovo corso targato Akoè è sulla rampa di lancio: si tratta...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *