L’agire responsabile: il nostro immaginario visivo

potere dell'immaginazione
Fonte immagine: http://aoyouth.org.uk/events-festivals/imagine-finished-1/
Quanto potente può essere l'immaginazione? In questo articolo di Laura Pagano scopriamo quanto immaginazione e qualità della vita possano andare di pari passo...

Questo articolo, in continuità con il precedente, L’agire responsabile: il nostro livello di coerenza, conclude il ciclo di post relativo alle tre dimensioni dell’agire responsabile.

Negli articoli precedenti, infatti, abbiamo approfondito come possiamo controllare responsabilmente il nostro dialogo interiore ( censore, sabotatore, saggio o alleato) e il nostro livello di coerenza rispetto a ciò che pensiamo, diciamo e facciamo quotidianamente.

In particolare, prendendo a riferimento il pensiero di W. Wattles, autore de La legge di Attrazione, sappiamo che possiamo agire responsabilmente sulla nostra vita prestando attenzione al nostro immaginario visivo, cioè a tutto ciò che ogni giorno contribuisce a creare il nostro immaginario e ad incidere progressivamente sulla qualità della nostra vita.

In proposito Wattles afferma:

“Fissate la vostra attenzione su ciò che è comune, ordinario, povero, squallido e basso, e la vostra mente prende la forma di queste cose (…) Permettere alla vostra mente di soffermarsi su ciò che è inferiore equivale a divenire inferiori e a circondarvi di cose inferiori”.

A prescindere dalle circostanze esterne, l’autore ci ricorda che in qualità di soggetti pensanti solo noi stessi abbiamo il potere di incidere positivamente o meno sulla qualità dei nostri pensieri. E’ quindi nostra responsabilità decidere come “riempire” il nostro immaginario visivo e a cosa prestare attenzione quotidianamente, attraverso il potere della visualizzazione.

In proposito, Jack Canfield, scrittore e formatore statunitense, ha proposto la formula:

I x N = R

Dove…

I = Immaginazione
moltiplicato per
N = Nitidezza
= uguale a
R = Realtà.

Seguendo il pensiero tracciato da Wattles, agire responsabilmente sul nostro immaginario visivo significa “formarsi un’immagine mentale chiara e definita di ciò che volete; (…) Vedete le cose che volete come se fossero effettivamente sempre intorno a voi; immaginate di possederle e di usarle. Servitevene nell’immaginazione proprio come le userete quando saranno vostra proprietà tangibile. Soffermatevi sulla vostra immagine mentale finché non sarà chiara e netta, quindi assumete l’Atteggiamento Mentale di Possesso nei confronti di tutto ciò che fa parte di quell’immagine. Prendetene possesso nella vostra mente, avendo pienamente fede nel fatto che ciò che vedete è effettivamente vostro. Mantenete questo atteggiamento di possesso mentale e non lasciate mai vacillare per un istante la vostra fede che tutto ciò sia reale”.

In conclusione, tenendo sempre a mente l’equazione E + R = RE!

Dove…

E = Eventi esterni della nostra vita
+
R= Risposta personale agli eventi
=
RE = Risultati Effettivi

l’agire responsabile è il frutto di tre risposte che possiamo controllare a livello di :

1- dialogo interiore
2- livello di coerenza
3- immaginario visivo

Che ne pensate?

Written By
More from Laura Pagano

L’inventario delle emozioni – sapersi gestire emotivamente

Tutti noi ci confrontiamo con quella che nel coaching viene chiamata “l’arte...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *