Innovare la formazione con web e Social Media

Un progetto particolare di Erasmus, parliamo di Optima Erasmus, riunisce in se' aspetti formativi, lavorativi - di contatto con le aziende - e di "sociality", dato che si sviluppa totalmente online. Vediamo di cosa si tratta...

 

Tra gli obiettivi generali di un programma Erasmus, si legge soprattutto di cooperazione tra sedi formative, di aumento della mobilità degli studenti, dello sviluppo di prassi innovative di formazione e apprendimento… si trova per la verità poco per quanto riguarda l’avvio al lavoro. In effetti non si può dire sia lo snodo centrale di un Erasmus, anche se indirettamente anche il futuro lavoro dello studente giova dell’esperienza fatta.

Eppure un progetto particolare sul tema, parliamo di Optima Erasmus di Optima Italia, riunisce in se’ pienamente anche l’aspetto lavorativo – di contatto con le aziende –  e di “sociality“, dato che si sviluppa totalmente online attraverso un portale dedicato, www.optimaitaliaerasmus.com , e via Social Network.

Optima Erasmus: i motivi della sua dirompenza

Se andiamo sul sito del progetto, ciò che colpisce è sicuramente la comunicazione giovane, fresca e immediata, distante dagli stili un po’ ingessati tipici delle Università.

In Optima Erasmus, 8 studenti sono stati selezionati attraverso un concorso web durato 3 giorni di fila: durante i 3 giorni, i diversi candidati si presentavano e si facevano votare attraverso un “Social Voto”. I vincitori si sono portati a casa una borsa di studio di 2mila euro ciascuno.

Tutto qui? Certo che no… La vera sfida per i magnifici 8 inizia ora: dalle sedi dell’Erasmus in cui ora si trovano, dovranno compilare il loro diario online e svolgere delle prove a tempo (chiamate Sociality-DOJO) per accrescere i loro Sociality-KY, ovvero i loro punti che li posizioneranno in classifica. Ancora una volta il pubblico è padrone, decidendo e votando via Social Media le prestazioni degli 8 (qui di seguito la playlist video degli studenti di Optima Erasmus).

E il lavoro dove sta? Eccolo: al termine del programma Erasmus, delle aziende partner valuteranno la crescita personale dei ragazzi e la loro accresciuta “socialità”, offrendo loro un programma di tirocini e stage vari.

Ciò che è principalmente apprezzabile dell’iniziativa è finalmente una capacità di innovare la formazione, attraverso meccanismi nuovi, giovani e originali come l’uso dei Social Media ma anche di concorsi web e portali dedicati. Il tutto grazie allo sforzo di un’azienda, Optima Italia, che non si occupa certo di formazione, ma che ha senza dubbio compreso come da progetti formativi concreti, seri e ben finanziati si creino i futuri lavoratori di domani.

Optima Erasmus: una via da imitare?

Tags from the story
Written By
More from Redazione

Internet e le risorse per gli studenti: i 7 siti che dovete conoscere

Segnaliamo oggi alcune risorse per gli studenti che internet offre gratuitamente per...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *