Diamoci un taglio! (parte II) – Segnali di cutting

cutting psicologia
Credits: http://cdn1.theodysseyonline.com/files/2014/12/05/635533546197700941921014637_girl-heartbroken-mind-kandy.imgopt1000x70.jpg
“Mi taglio e sto meglio, per un po’ non penso ai miei problemi e poi mi sento libera e fiera della mia vendetta.. lo so è una cavolata ma è quello che provo..." - Continua il viaggio alla scoperta del cutting.
[Segue dalla parte I]

“Mi taglio e sto meglio, per un po’ non penso ai miei problemi e poi mi sento libera e fiera della mia vendetta.. lo so è una cavolata ma è quello che provo.. i tagli sono anche segnali di aiuto ma che nessuno sa cogliere.. mi sento sola..” (Anonimo)

Questa ragazza ha iniziato ad autolesionarsi a 15 anni: la pratica del cutting, come abbiamo potuto apprendere nel precedente articolo, è un’usanza molto diffusa tra i giovani.

Qualsiasi generazione ha avuto problemi nel rapportarsi col mondo esterno e col proprio corpo durante il periodo adolescenziale, arrivando anche a “sentirsi vivi” danneggiando il proprio essere.

La chiamano “l’età più difficile”, nella quale ognuno è alla disperata ricerca di una propria identità.
Eppure, pur lavorando nel sociale e strutturando specifici percorsi di prevenzione del disagio, intercettiamo solo una piccola parte di tanti fenomeni, a volte anche in ritardo.
Come gestire in modo positivo e costruttivo questi comportamenti?

Per esempio, confrontandosi attivamente con i ragazzi favorendo la condivisione e cercando di porsi al loro livello senza svalutare la funzione educativa.
La situazione è molto grave e per cercare di risolverla è necessario far percepire la propria presenza, bussare a quella porta che protegge dei silenzi da riempire, oltre a fare molta attenzione a comportamenti insolitamente e improvvisamente ”chiusi”.

I giovani sono molto abili a “eclissarsi” nei loro mondi virtuali, per questo bisogna essere pronti a catturare qualsiasi tipo di segnale, come:

– maniche/pantaloni lunghi d’estate
– strane cicatrici
– oggetti da taglio nel borsellino
– bracciali molto vistosi
– macchie di sangue in bagno e a letto

Il grido d’aiuto si cela nei dettagli, facciamo attenzione una volta in più.

Lo scrittore brasiliano Paulo Coelho ci ricorda che…

A volte è quello che non dici che conta

More from Jose Toffoletto

Natale per tutti

Il Natale si festeggia in tutto il mondo, ma come ogni evento...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *