8 regole da seguire per studiare con efficacia e imparare rapidamente

studiare con efficacia, rapidamente
Studiare con efficacia, imparare rapidamente, ottenere risultati nello studio con un buon rapporto tempo / fatica: vi sarete chiesti tante volte come fare. Ecco una lista di 8 regole super-schematiche...

Studiare bene e con efficacia, imparare rapidamente, ottenere risultati nello studio con un buon rapporto tempo / fatica: vi sarete chiesti tante volte come fare. Ecco una lista di 8 regole super schematiche da seguire assolutamente… (fonte principale: Scott Young).

1. Pratica per le skills; associazioni per i concetti

Le skills sono le abilità pratiche; i concetti sono le basi teoriche che permeano un determinano argomento. Le abilità andranno affinante con l’esercizio pratico; i concetti dovranno essere posseduti tramite associazioni, visualizzazioni: dovrete intimamente capirli.

2. I concetti vengono (quasi) sempre prima dei fatti

Il concetto è lo schema che riunisce tutti i fatti; inoltre i fatti sono spesso meno importanti del concetto che li riunisce.

3. Prendere il tempo necessario

Ridursi all’ultimo minuto; fare delle session di ore ed ore di studio “matto e disperatissimo” non è per nulla produttivo. Questo perché in poco tempo memorizzerete, NON studierete e non imparerete a fondo i concetti. A proposito di tempo: in fondo all’articolo troverai 30 domande da porti per evitare di sprecare il tuo tempo (che è preziosissimo!)

4. Lista di concetti

Costruitevi una lista di concetti chiave e di concetti secondari: scrivetela e usatela come guida al vostro studio.

5. Semplificare

Semplificate e scomponete le idee che vi confondono: analizzatele con calma, suddividetele in sotto-problemi, affrontate tutte le spiegazioni possibili… affrontate un problema alla volta!

6. Figure retoriche

Fare associazioni vuol dire usare metafore e similitudini per spiegare (e capire) concetti.

7. Usare i sensi

Un’idea, un concetto difficile può essere “sentito” dal vostro corpo: quali sensazioni visive, fisiche, tattili, uditive, immaginarie vi richiama? Partite da queste associazioni per capire e ricordare concetti e fatti.

8. Attenzione al contesto

Quando analizzate idee e concetti, non decontestualizzatele: ovvero, considerate sempre il contesto in cui sono presentate e si svolgono. Questo vi permetterà di fare connessioni con altri


Imparare la gestione del tempo nello studio (e nella vita): 30 domande da farsi

Renditi veramente padrone di te. E custodisci con cura quel tempo che finora ti era portato via o ti sfuggiva

Seneca (4 A.C – 65)

Gestire il tempo significa gestire sé stessi.

Ecco allora una  lista di domande che ci invitano a riflettere  sul rapporto che rinnoviamo ogni giorno con quello che in base alla nostra percezione, può diventare il più “tiranno” tra i tiranni, o al contrario il più “galantuomo” fra i galantuomini: il tempo. Alleato utile nello studio e nella realizzazione di sé, o terribile nemico… [Leggi anche la gestione del tempo su Efficacemente.com]

  1. cosa faccio che non è affatto necessario fare?
  2. cosa faccio che mi porta via più tempo di quanto dovrebbe?
  3. cosa faccio che fa perdere tempo agli altri?
  4. trovo difficile dire ciò che ho fatto durante la giornata?
  5. faccio cose che non c’è alcuna necessità di fare?
  6. ho la tendenza a caricarmi del lavoro degli altri?
  7. ho la tendenza a impiegare più tempo del dovuto in determinate occasioni?
  8. trovo difficile essere puntuale agli appuntamenti?
  9. dimentico spesso cosa volevo fare?
  10. ho stabilito con precisione quali mansioni rientrano nelle mie responsabilità e quali no?
  11. le mie mete sono chiare?
  12. ho individuato le mie priorità?
  13. so cosa dovrei concludere oggi?
  14. riesco a distinguere ciò che è importante da ciò che è urgente?
  15. sto svolgendo il giusto tipo di compito per fare un uso efficace del mio tempo?
  16. riesco a rispettare le scadenze?
  17. ho suddiviso i lavori gravosi nelle loro componenti?
  18. ho trovato un metodo per non venire disturbato in certe ore, in modo tale da portare a termine le cose importanti?
  19. programmo con efficienza le mie attività e faccio l’uso migliore del tempo a disposizione?
  20. le cose restano sul mio elenco del “da fare” per diversi giorni?
  21. dimentico di fare le cose perché non le scrivo?
  22. tendo a smarrire appunti, lettere e documenti importanti?
  23. dimentico gli appuntamenti o le attività quotidiane di routine?
  24. mi è difficile trovare le cose quando mi servono d’urgenza?
  25. cerco sempre di fare più cose contemporaneamente?
  26. ho abitudini che posso modificare per fare un uso migliore del tempo?
  27. ci sono cose che faccio soltanto perché le ho sempre fatte?
  28. dedico un po’ di tempo a me stesso?
  29. ho assegnato un po’ di tempo ad attività che non hanno niente a che vedere con il lavoro?
  30. trovo il tempo per godermi il frutto delle mie fatiche?

Bisogna perdere tempo per guadagnarlo

Rousseau ( 1712- 1778)

Tags from the story
Written By
More from Redazione

Come diventare freelancer: quali primi passi compiere?

Lavorare da casa, gestire più rapporti di lavoro con differenti clienti, possibilità...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *